24 Novembre 2020
news
percorso: Home > news > pisa
www.lupipallavolo.sitoper.it

via all´azionariato popolare per sostenere i "lupi" in a1

17-05-2005 - pisa
La società ha deciso di chiedere l´aiuto della gente. Verrà ampliato il consiglio e si cercano nuovi sponsor.
I "Lupi" che hanno sbranato tutti gli avversari, vincendo il campionato di A2 e la Coppa Italia nazionale di volley, chiedono l´aiuto della città. La stagione 2004-05 rimarrà negli annali della società biancorossa. La straordinaria accoppiata non era certo prevista all´inizio della stagione. Ma la sapiente mano di Riccardo Provvedi, la classe dei giocatori e soprattutto la forza del gruppo, hanno visto materializzarsi, mese dopo mese, i sogni biancorsossi.
E se per fare un buon campionato di A2 occorre un budget di circa 500 mila euro (un miliardo delle vecchie lire), per una A1 discreta, diciamo "da Lupi", serve più del doppio; ad essere bravi e, naturalmente, azzeccandole tutte.
Quindi, dei miliardi (parlando sempre in lire) , quest´anno ai "Lupi" ne servono più di due, come minimo e... "volando bassi".
Il Consiglio d´Amministrazione - riunitosi lunedì 9 maggio - ha deciso di chiedere alla cittadinanza uno sforzo, una collaborazione fattiva, per "far cassa". La Codyeco Lupi, quindi, apre all´azionariato popolare.
Chiunque può diventare socio anche acquistando un sola quota - che costa 500 euro - che dà diritto anche ad un abbonamento per la stagione pallavolistica 2005-06, che vedrà i "Lupi" giocare contro le più forti squadre italiane di volley: da Treviso a Modena, da Trento a Macerata, con Perugia, Piacenza, Padova, Cuneo ed altre ancora.
Sarà un torneo bellissimo e difficilissimo.
Prima di giocatori e tecnici bisogna pensare al bilancio.
"Si chiede alla cittadinanza - dice il presidente Renzo Rovini - di sottoscrivere una o più quote venendo incontro alla società che vede crescere i costi. Facciamo questo per cercare di far cassa.
I vecchi sponsor, come la Codyeco ed il co-sponsor New Stamp, ad esempio, qualcosa in più ci daranno - prosegue il numero uno biancorosso - ma non è sufficiente per affrontare un campionato di questo livello.
Bisogna ampliare il numero ed abbiamo già preso i contatti. Altri li dobbiamo prendere ancora, anche se abbiamo già le idee chiare.
Si tratta di aziende, società, sostenitori anche esterni a Santa Croce ed alla zona del Cuoio.
Pensiamo di portare il numero dei consiglieri almeno a 15. Abbiamo contattato alcune persone. Due di queste sono già venute, come uditori ad una riunione. Si tratta del dottor Riccardo Giomi, farmacista di Stabbia e dell´avvocato Alessandro Lambertucci di Santa Croce.
Non abbiamo collaborazioni con società di maggior prestigio, sempre a livello di A1 - conclude Renzo Rovini - queste, a mio parere non servono e non so quanto possano essere redditizie.
Nel volley, come in altri sport, le decisioni importanti, ad esempio per il volley-mercato, vengono prese dai procuratori che fanno il bello e il cattivo tempo. Questa, per me, è la realtà".


Fonte: A.S. Lupi Pallavolo

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.volleytoscana.it
torna indietro leggi Privacy Policy per www.volleytoscana.it  obbligatorio