24 Novembre 2020
news
percorso: Home > news > pisa
www.lupipallavolo.sitoper.it

parla massimo tomalino centrale della codyeco lupi

04-01-2006 - pisa
"Andiamo ad affrontare la Sisley e abbiamo il dovere di crederci"

Un ragazzone di oltre due metri, molto umile ma determinato nel raggiungere il suo obiettivo stagionale: dimenticare il campionato dell’anno scorso a Gioia del Colle, in cui non si è certamente espresso al meglio del suo potenziale e alla fine del quale la formazione pugliese è retrocessa. Quando mancano quattro giorni alla proibitiva trasferta di Treviso, abbiamo rivolto qualche domanda a Massimo Tomalino il centrale originario di Novi Ligure ma che si sente veneto d’adozione, vista la sua lunga militanza nel Padova arrivato quest’anno alla Codyeco Lupi.

Cominciamo con un suo personale bilancio dopo il girone d’andata. E’ soddisfatto del suo rendimento?

«Sono contento, visto che ho giocato almeno cinque o sei partite molto bene e le altre nella media della sufficienza».

La sua partita migliore quale è stata?

«I tifosi, i miei compagni e le statistiche dicono che ho giocato molto bene col Cagliari e a Montichiari ma io rimango molto affezionato alla partita con Vibo Valentia. Per me era un momento difficile a causa del cambio di ruolo di Wallace (da schiacciatore a centrale, Ndr) e perciò sentivo molto la pressione. Avevo bisogno di effettuare una grande prova e ci riuscii. Alla fine ero molto soddisfatto di me stesso».

Ecco, come hai vissuto quel momento della stagione prima della gara con Vibo, in cui sembrava che voi centrali foste un pò la causa del rendimento non esaltante della squadra?

«Sono sempre rimasto sereno, io come Corsini. Il mister mi ha spiegato la sua scelta nei confronti di Wallace e la società mi ha sempre dimostrato fiducia».

Domenica andate a Treviso, che partita sarà?

«Certamente molto difficile, per non dire quasi impossibile ma abbiamo il dovere di andare là e crederci. Se poi, come contro Macerata, anche dopo aver dato il massimo, il risultato sarà la sconfitta non ne faremo un dramma, consapevoli che Treviso non è un crocevia per la salvezza».

Fonte: Quotidiano La Nazione (Luca Calò)

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.volleytoscana.it
torna indietro leggi Privacy Policy per www.volleytoscana.it  obbligatorio