28 Novembre 2020
news
percorso: Home > news > pisa
www.lupipallavolo.sitoper.it

anche i lupi del volley misto campioni d´italia

29-06-2007 - pisa
Lupi Volleyball S .Croce Campionati Nazionali Amatori – Rimini 22-24 Giugno 2007

Grandiosa affermazione della squadra mista degli Amatori dei Lupi che a Rimini, dal 22 al 24 Giugno, si è aggiudicata il titolo italiano di categoria. La squadra capitanata da Marco Brogi è riuscita a raggiungere l’ambito risultato mettendo in fila le quotate avversarie alla fine di un torneo denso di difficoltà e disputato in un crescendo di prestazioni.
L´inizio non è stato facile, anche a causa di alcune defezioni dell’ultimo momento che hanno costretto la squadra del presidente Agostino Pantani a presentarsi al torneo con un organico ridotto. La compagine santacrocese è infatti partita alla volta di Rimini con solo 9 elementi pronti a scendere in campo: Samantha Gronchi, Valentina Panicucci, Simona Bernardini, Giulia Leporatti, Jessica Micheli, Emanuele Ciaponi, Maurizio Riccioni, Marco Brogi e Agostino Pantani.
Il torneo, cui partecipavano 14 squadre, prevedeva un primo girone di qualificazione composto da cinque squadre, delle quali solamente due accedevano alle fasi successive. L’inizio è stato subito difficoltoso: la squadra ha infatti sofferto oltremodo l’orario di gioco e ha finito per soccombere per 2 a 1 lala partita d’esordio disputata alle 8.30 di mattina contro un Rovigo apparso non irresistibile. Ma il gruppo non si è lasciato scoraggiare e ha vinto il successivo incontro del pomeriggio con un 2 a 0 sofferto contro un Latina che ha cercato in tutti i modi di avere la meglio e che si è arresa soltanto ai vantaggi. Buona nell’occasione la partita di Valentina Panicucci e di Maurizio Riccioni. Lo scontro successivo, disputato alle 9 di sera, è stato forse quello più importante. I Lupi, dopo essersi aggiudicati agevolmente il primo set, hanno accusato la stanchezza della terza partita consecutiva e hanno finito per rimettere in discussione il match perdendo abbastanza nettamente il secondo parziale contro un Atletico Castello mai domo. Sullo slancio della vittoria del set gli avversari hanno messo a segno un parziale perentorio e sono andati al cambio di campo in vantaggio per 8 a 3. A quel punto, quando ormai la partita sembrava del tutto compromessa, solo la tenacia di tutti i componenti della squadra e la forza del gruppo hanno permesso di ribaltare il risultato aggiudicandosi il terzo parziale per 15 a 12; determinanti nell’occasione gli innesti di Brogi, Bernardini e Leporatti.
Ma l’equilibrio del girone non garantiva ancora la qualificazione: l’accesso alla fase successiva i Lupi se la sono dovuta guadagnare la mattina successiva quando si sono trovati ad affrontare l’Evansalus.it di Padova, la squadra più forte del girone, nelle cui fila militavano anche due atleti che fino ad un paio di anni prima giocavano ancora a livello di serie B2. Gli avversari, che fino a quel momento non avevano ancora perso alcuna partita, hanno messo in mostra tutto il loro valore andando a vincere non senza difficoltà il primo set. A questo punto i conciari, approfittando anche di un avversario appagato dalla raggiunta certezza del primato nel girone, hanno fatto quadrato e sono riusciti ad imporsi per 2 a 1 accedendo così alla fase successiva. Il torneo a quel punto prevedeva tre scontri le cui vincenti, insieme alla migliore delle perdenti, approdavano alle semifinali. I Lupi, in funzione del secondo posto ottenuto nel girone, si sono trovati ad affrontare il fortissimo Kankari di Venezia, vincitore del proprio raggruppamento. La partita è stata fin dalle prime battute di altissimo livello con i veneti che, forti della propria prestanza fisica ed atletica, hanno cercato di aggredire i santacrocesi. I Lupi non si sono tuttavia lasciati intimorire e, con una partita magistrale, hanno annichilito gli avversari imponendosi con un 25 – 22 / 25 – 18 che non ha lasciato agli avversari (tra i favoriti della vigilia) neppure la speranza dei ripescaggi. Nella partita, ben giocata da tutti i componenti, spiccano le prestazioni di Ciaponi, infermabile in attacco, e di Gronchi sempre precisa al palleggio. Per ironia della sorte nella semifinale, in programma alle 9 di sera, i santacrocesi si sono trovati nuovamente a fronteggiare i patavini dell’Evansalus.it in una sorta di rivincita della partita della mattina. Fin dall’inizio si è capito che le cose sarebbero andate diversamente con i Lupi abili a gestire il gioco a proprio piacimento e in grado di arginare le bocche di fuoco degli avversari. Il primo set si concludeva con un netto 25 – 16 con il risultato in discussione solo nei primi scambi di gioco. Nel secondo set la musica non cambiava con i santacrocesi subito nettamente in vantaggio. Ma sul 7 a 3 si è verificato l’evento che avrebbe potuto compromettere quanto di buono fatto fino a quel momento. Emanuele Ciaponi, fino a quel momento senza dubbio l’attaccante più prolifico della squadra, ricade male da muro e si infortuna ad una caviglia; l’infortunio è serio ed il giocatore non potrà più riprendere il gioco. La squadra accusa un iniziale sbandamento ma riprende in mano la partita con tenacia aggiudicandosi il set finale per 25 a 14. A fine partita non c’è tuttavia una gran voglia di gioire per aver guadagnato la finale: c’è la certezza che Ciaponi non potrà essere in campo a disputare quella finale che così tanto aveva contribuito a raggiungere. C’è inoltre da considerare che il giorno successivo ci sarà da rivoluzionare la formazione con nessuna possibilità di cambio per gli uomini: il regolamento infatti prevede la presenza in campo di tre uomini e tre donne e pertanto, nell’eventualità dell’infortunio di un uomo, la partita sarebbe automaticamente chiusa a favore degli avversari.
Ma i Lupi, come loro costume, non si danno per vinti e affrontano la partita di finale convinti dei propri mezzi e sicuri che gli avversari, per aggiudicarsi la partita, avrebbero dovuto dare il meglio di sé stessi.
C’è un osso duro da affrontare e non poteva che essere così, vista la posta in palio: si tratta del Conscio di Treviso che è riuscito ad eliminare in semifinale i detentori del titolo. La squadra avversaria si presenta in campo con quell’atteggiamento di superiorità che fa ancora di più irretire i santacrocesi. Fin dalle prime battute di gioco i conciari fanno però capire al Treviso che in campo è un’altra musica e che ci vuole ben altro di una squadra “forte in riscaldamento” per battere i Lupi.
La finale si gioca al meglio dei 5 set e i primi due parziali sono giocati punto a punto dalle due squadre; gli avversari sono sempre ad inseguire e solo raramente riescono ad impattare il punteggio. La battuta dei santacrocesi è incisiva con Jessica Micheli che mette sempre in difficoltà gli avversari; il cambiopalla funziona a dovere con Brogi e Panicucci sempre precisi in ricezione. Riccioni, ben coadiuvato da Gronchi al palleggio, sfodera un’ottima prestazione da opposto e Pantani non lasca cadere un pallone in difesa. E’ un’ottima prestazione corale che consente ai lupi di aggiudicarsi entrambi i parziali per 25 a 22 e 25 a 23.
Si aspetta a questo punto la reazione degli avversari che però subiscono oltremodo l’aggressività della compagine conciaria finendo per perdere fiducia. La partita si conclude con un perentorio 25 a 18 che consegna ai santacrocesi il titolo di Campioni d’Italia.

I protagonisti dell’impresa sono i seguenti:
Samanta Gronchi, palleggiatrice
Valentina Panicucci, Simona Bernardini, Giulia Leporatti ricettrici attaccanti
Jessica Micheli universale
Marco Brogi ricettore attaccante
Emanuele Ciaponi opposto
Agostino Pantani centrale
Maurizio Riccioni universale

Ad accompagnare il gruppo Leonardo Mancini (figlio di Samantha), autentica mascotte, che non ha mai cessato di incoraggiare la squadra durante tutto il torneo.

Al termine della manifestazione il presidente/giocatore Agostino Pantani ringrazia tutti coloro che hanno permesso il raggiungimento dell’ambito traguardo, sia per i risultati conseguiti, sia per l’atteggiamento in campo che, pur agonisticamente combattivo, è stato sempre improntato alla massima sportività e lealtà, comportamento sempre apprezzato dagli organizzatori, dagli arbitri e dagli avversari. Senza dimenticare naturalmente lo spirito che ha sempre guidato l’attività di questo fantastico gruppo che trova nella pallavolo quella necessaria attività di svago e di sano divertimento.


Fonte: Ufficio stampa Codyeco Lupi

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.volleytoscana.it
torna indietro leggi Privacy Policy per www.volleytoscana.it  obbligatorio